Pillole quotidiane

L’arte che balla sbarca a Palestrina

Ha la solarità di una donna che ha sempre vissuto la danza come la migliore via che porta alla socializzazione e al dialogo.
A muoversi sui suoi ritmi … Non sono stelle, vip o affermate etoiles ma semplici personaggi in cerca d’autore.
Il suo obiettivo , espresso in note e movenze e’ … e per renderlo ancora più chiaro alzerà il sipario del Teatro Principe invitando amici ed appassionati al suo ennesimo test- verità: …
L’appuntamento è per il 18 giugno e il menù, per fini intenditori, e’ da leccarsi i baffi.
Abbiamo incontrato per lettori ed appassionati la regista di tutto ciò, Alessandra D’Amico, che ci ha aperto le porte del suo fantastico attico che domina i colli prenestini e le abbiamo chiesto di raccontarci il suo spettacolo.
Uno spettacolo di cuore, che emoziona chi lo vede: così lo definisce la sua creatrice, non solo coreografa ma artista polivalente che trasmette alle sue allieve non solo danza e movimento ma soprattutto entusiasmo, gioia e positivita’.

Un lavoro che è in preparazione da oltre un anno, che vedrà coinvolte donne di ogni età unite da un comun denominatore: passione ed entusiasmo.
Tante le idee esclusive che rendono unico lo spettacolo: il corpo di ballo è formato da sole donne dei 10 ai 55 anni, ed ognuna e’ valorizzata a seconda della propria personalità ognuna di loro, ha scelto un colore che la accompagnerà durante tutta l’esibizione, deciso in base allo stato d’animo ; ogni brano presentato e un’isola a se, un’emozione vissuta senza un filo conduttore che le riunisca.
Toccante e significativa la fase finale dedicata ai barboni , 4 pezzi molto forti che vogliono essere un urlo per far emergere le problematiche di queste persone che da tanti sono considerate reietti che invece Alessandra ha scoperto essere persone dotate di grande sensibilità ed intelligenza.
All’insegna dell’emozione anche la selezione delle musiche: dagli intramontabili Pink Floyd e Wham, ad uno sconosciuto Renato Zero, per concludere con molte proposte degli Arcade, sempre in nome dell’originalità che Alessandra trasmette.

No Comments Yet


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *