Pillole quotidiane

L’arte che balla sbarca a Palestrina

Ha la solarità di una donna che ha sempre vissuto la danza come la migliore via che porta alla socializzazione e al dialogo.
A muoversi sui suoi ritmi … Non sono stelle, vip o affermate etoiles ma semplici personaggi in cerca d’autore.
Il suo obiettivo , espresso in note e movenze e’ … e per renderlo ancora più chiaro alzerà il sipario del Teatro Principe invitando amici ed appassionati al suo ennesimo test- verità: …
L’appuntamento è per il 18 giugno e il menù, per fini intenditori, e’ da leccarsi i baffi.
Abbiamo incontrato per lettori ed appassionati la regista di tutto ciò, Alessandra D’Amico, che ci ha aperto le porte del suo fantastico attico che domina i colli prenestini e le abbiamo chiesto di raccontarci il suo spettacolo.
Uno spettacolo di cuore, che emoziona chi lo vede: così lo definisce la sua creatrice, non solo coreografa ma artista polivalente che trasmette alle sue allieve non solo danza e movimento ma soprattutto entusiasmo, gioia e positivita’.

Un lavoro che è in preparazione da oltre un anno, che vedrà coinvolte donne di ogni età unite da un comun denominatore: passione ed entusiasmo.
Tante le idee esclusive che rendono unico lo spettacolo: il corpo di ballo è formato da sole donne dei 10 ai 55 anni, ed ognuna e’ valorizzata a seconda della propria personalità ognuna di loro, ha scelto un colore che la accompagnerà durante tutta l’esibizione, deciso in base allo stato d’animo ; ogni brano presentato e un’isola a se, un’emozione vissuta senza un filo conduttore che le riunisca.
Toccante e significativa la fase finale dedicata ai barboni , 4 pezzi molto forti che vogliono essere un urlo per far emergere le problematiche di queste persone che da tanti sono considerate reietti che invece Alessandra ha scoperto essere persone dotate di grande sensibilità ed intelligenza.
All’insegna dell’emozione anche la selezione delle musiche: dagli intramontabili Pink Floyd e Wham, ad uno sconosciuto Renato Zero, per concludere con molte proposte degli Arcade, sempre in nome dell’originalità che Alessandra trasmette.

Read more

“Aiuto! Mio figlio deve andare dal Neuropsichiatra Infantile…!”

E’ proprio vero … quando il pediatra ci consiglia di portare il nostro bambino dal Neuropsichiatra Infantile (NPI) sembra che il mondo ci stia crollando addosso poiché questa disciplina è poco conosciuta e per questo molto temuta…,ora cerchiamo di saperne di più!

Chi è il Neuropsichiatra Infantile? Il NPI è un medico specialista in Neuropsichiatria infantile, disciplina che si occupa dello sviluppo neuropsichico e dei suoi disturbi ad insorgenza nell’infanzia e/o nell’adolescenza (età compresa tra zero e diciotto anni).

Dove opera il NPI? In Italia, la figura del NPI opera principalmente in ambito pubblico, all’interno di strutture ospedaliere e/o dei servizi territoriali delle ASL, dove si occupa della diagnosi, della cura e dell’assistenza globale del paziente nonchè della famiglia.

Per quali problematiche è indicato il NPI? Il NPI interviene nel trattamento di diversi problemidi natural neurologica e/o psichiatrica: prematurità, sofferenza pre-perinatale, sindromi genetiche, ritardo e/o disturbo dello sviluppo neuropsicomotorio e del linguaggio, disturbo da deficit d’attenzione con o senza iperattività, disturbo ossessivo-compulsivo, disturbo oppositivo-provocatorio, disturbi del tono dell’umore, autismo, difficoltà d’apprendimento in ambito scolastico, disabilità intellettiva, paralisi cerebrale infantile, epilessia, cefalea, disturbi del sonno etc… Può anche trattare problematiche più frequenti nell’adolescenza tra cui ricordiamo l’anoressia, la bulimia, la depressione, disturbo della condotta, etc… Inoltre il NPI può svolgere la funzione di consulente tecnico d’ufficio su incarico del Tribunale, su quesiti specifici dei giudici, in particolare in merito alle questioni di affidamento di minori nelle separazioni genitoriali conflittuali o nelle situazioni di abusi o trascuratezza, oltre che nella definizione dei provvedimenti di tutela quali l’interdizione, l’inabilitazione e, più recentemente, l’amministrazione di sostegno.

Come interviene il NPI? Per individuare un problema, il neuropsichiatra infantile, di solito, si approccia al bambino mediante il disegno e/o il gioco permettendo così a quest’ultimo di esprimersi più liberamente. Inoltre si avvale del colloquio con i genitori e di una serie di indagini cliniche (esame obiettivo generale e neurologico) e strumentali (ecografia cerebrale, elettroencefalogramma, polisonnografia, risonanza magnetica cerebrale, etc…) e testologiche (valutazioni cognitiva, del linguaggio e degli apprendimenti scolastici, etc…). L’intervento dipende dal tipo di problema da trattare: può essere necessario il trattamento farmacologico e/o riabilitativo (psicomotorio, logopedico, cognitivo-comportamentale) e/o il supporto psicologico (di gruppo e/o individuale); quest’ultimo sia per il bambino che per i genitori (parent training). Tuttavia il NPI può limitarsi a guidare i genitori dando loro consigli sulle difficoltà che incontrano nella gestione delle problematiche del loro bambino.

Regola fondamentale sulla quale si basa l’approccio del NPI è il lavoro di équipe con più figure professionali esperte in età evolutiva (terapista della neuro psicomotricità dell’età evolutiva, logopedista, psicologo, assistente sociale, l’assistente domiciliare) che accolgono e seguono il bambino, la famiglia e la scuola nelle varie fasi del suo sviluppo condividendo integralmente gli obiettivi. Inoltre è previsto che il NPI partecipi ai gruppi di lavoro (insegnante di sostegno, assistente educativo culturale, insegnanti curricolari) costituiti per l’integrazione scolastica dei bambini con difficoltà di vario tipo (accademiche e non) che si riuniscono periodicamente per la definizione e la verifica dei piani educativi.

Per cui cari genitori affidatevi e fidatevi del NPI senza timore quando il pediatra ve lo consiglia.

A cura del Neuropsichiatra Infantile

Dott.ssa Mariangela Pinci

Read more

AL TEATRO AUDITORIUM COMUNALE GIULANCO L’ASSOCIAZIONE “MARIONETTE SENZA FILI” PRESENTA “MONOLOGHI D’AUTORE”

Al Teatro Auditorium Comunale “Giulanco” di San Cesareo dal 22 al 24 aprile (venerdì e sabato ore 21.00 e domenica alle ore 18) l’associazione “Marionette senza fili” guidata dall’attore e regista Claudio Tagliacozzo porterà in scena “Monologhi d’autore” con la direzione registica dello stesso Tagliacozzo e di Micaela Sangermano.

Lo spettacolo nasce come saggio dei discenti del II^ anno di Accademia Teatrale di S. Cesareo e prevede delle perfomances completamente fuori dagli schemi e con un solo scopo: fare dello spettatore il protagonista di ogni serata. Mille spunti per ridere, per riflettere e per confrontarsi con i ‘monologhisti’ in prima persona, faccia a faccia!

I monologhisti si cimenteranno in una prova che li farà mettere in gioco a 360° con un approccio innovativo e diretto con il pubblico che ha già dimostrato di apprezzare questa nuova prospettiva di interazione e di viscerale partecipazione e che verrà realmente coinvolto in un turbinio di emozioni.


Vi aspettiamo a teatro per condividere l’ennesimo spettacolo targato “Marionette senza fili” !

PREZZI BIGLIETTI:

  • INTERO = € 12,00
  • RIDOTTO = € 8,00
  • GRATUITO= UNDER 5

INFO E PRENOTAZIONI al 338.25.23.004 www.marionettesenzafili.it

Read more

Fiuggi, Grande successo per lo spettacolo teatrale “L’albero de Natale” messo in scena dall’associazione “Marionette senza fili” a sostegno della Caramella Buona Onlus

Grande successo e partecipazione per l’iniziativa de La Caramella Buona onlus a Fiuggi presso il Teatro Comunale venerdì scorso. Lo spettacolo teatrale “L’albero de Natale” di Maurizio D’Eramo messo in scena dall’Associazione “Marionette senza fili”, che collabora fruttuosamente con la Caramella Buona, ha infatti avuto un ottimo riscontro ed ha regalato due ore di spensieratezza e di allegria ai presenti e sostenitori.

Ad aprire le danze sul palco i ragazzi della “Music School” di Tecchiena di Alatri guidati dal Maestro Gianpiero Rossi che hanno deliziato gli spettatori con un medley di famose canzoni romane della tradizione ed a seguire i ragazzi dell’ associazione pallavolistica Acuto Volley 2.0 di cui La Caramella Buona è sponsor sociale, attivi sostenitori dell’associazione e che sono saliti sul palcoscenico con la loro divisa su cui è impressa la ben visibile dicitura “Io sostengo La Caramella Buona”. La vice presidente dott.ssa Anna Maria Pilozzi ha infatti tenuto a precisare che “dobbiamo fornire ai nostri ragazzi delle valide alternative rispetto ad internet, ai social network ed ai videogiochi e possiamo trovarle più vicino di quanto pensiamo siano esse la musica, il teatro o lo sport! Molte sono le realtà qualitativamente valide e che offrono ai ragazzi modo di esprimersi e di realizzare le loro passioni e che li stimolano a formare la loro personalità”. Il presidente de La Caramella Buona il dott. Roberto Mirabile ha ribadito l’importanza del sostegno dei presenti ed ha sottolineato che “La Caramella Buona ed il nostro staff di professionisti svolgono un instancabile lavoro non solo di prevenzione e sensibilizzazione, coadiuvati da bellissime realtà come quelle che abbiamo visto sul palco che collaborano per il fine comune della lotta alla pedofilia, ma anche un lavoro concreto in prima linea per punire i colpevoli ed aiutare fattivamente le vittime. Ma tutto questo sarebbe impossibile ed impensabile senza il contributo di ognuno dei nostri sostenitori cui va il merito di credere nell’associazione, la gratificazione di condividerne in primis i risultati ed il nostro più sentito ringraziamento”.

Read more

BSF-KIDS: le bici padrone di Roma in una domenica di divertimento

Domenica 17 aprile tutti i bambini delle scuole di Roma sono invitati a partecipare a BSF-KIDS l’evento che Bici senza frontiere e Bike to school Roma hanno organizzato insieme.

Dalle 9.30 alle 16.00 si potrà giocare e divertirsi nella cornice meravigliosa di via dei Fori imperiali, che sarà libera dal traffico e aperta ai bambini, alle bici, al divertimento.

Tanti gli stand con i giochi: da una versione a due ruote di ruba bandiera a giochi di abilità nel riparare le gomme bucate, al disegno, e alle gimcane più classiche.

Lucidate i campanelli, gonfiate le ruote, bambini vi aspettiamo tutti con le vostre bici Domenica 17 ai Fori imperiali!!!

Read more

INCLUSIONE

La crescente diversità culturale della popolazione minorile italiana ha supposto per le istituzioni scolastiche un ripensamento strutturale. Nel tempo si è venuto a creare un vero e proprio modello educativo italiano, della pedagogia interculturale, erede di una tradizione educativa inclusiva che valorizza la convivenza e l’accoglienza di varie forme di diversità

L’educazione inclusiva: è un processo di rafforzamento della capacità del sistema educativo di raggiungere tutti i discenti… Come un principio globale, dovrebbe guidare tutte le politiche e le pratiche educative, partendo dal fatto che l’educazione è un diritto umano fondamentale e la base per una società più giusta e uguale (UNESCO, 2009).

In questi vent’anni l’immigrazione ha cambiato la scuola, ma è anche vero il contrario, e cioè che anche la scuola ha cambiato l’immigrazione e i soggetti che la compongono, i quali, grazie alla scuola, sono diventati un po’ più “di casa”. Attraverso l’analisi del lessico utilizzato nel tempo nelle esperienze e nei progetti relativi all’inserimento scolastico degli alunni stranieri, si possono ripercorrere i cambiamenti di questi anni: agli esordi venivano usati soprattutto i termini di “accoglienza e inserimento” ; più tardi le parole “integrazione e intercultura” sono state le più citate; ora è giunto il tempo dell’inclusione. Nella recente c.m. 2/2010 si legge infatti : “Sono questi i presupposti e i requisiti irrinunciabili che consentono di coniugare efficacemente l’obiettivo della massima inclusione con quello di un’offerta formativa qualitativamente valida , che tenga conto delle situazioni di partenza e delle necessità di ciascun alunno” .

Con il tempo , il numero degli alunni stranieri è andato aumentando di anno in anno e l’attenzione si è indirizzata soprattutto alle misure e agli interventi a carattere “compensatorio”: l’insegnamento dell’italiano , la mediazione linguistico -culturale , la rilevazione delle competenze e delle biografie scolastiche e linguistiche in ingresso , le modalità di valutazione …. E’ questa la fase in cui oggi si trova la maggior parte delle scuole e che prevede come destinatari e oggetto delle azioni gli alunni stranieri e le loro carenze . In questa direzione , molti passi avanti, fortunatamente, sono stati compiuti e gli insegnanti possono attualmente contare su: protocolli di accoglienza , materiali didattici variegati , esempi di programmazioni , testi di studio semplificati e più accessibili dal punto di vista linguistico , maggiore competenza e più densi scambi professionali anche a distanza .Si può iniziare a parlare di fase dell’inclusione in cui si possano coniugare le due finalità : da un lato , diffondere e portare a sistema le pratiche e i dispositivi efficaci di integrazione sperimentati e , dall’altro , imparare e insegnare a vivere insieme , uguali e diversi , in pari dignità . Cittadini di uno stesso Paese.

Le definizione dei minori, non originari, che vengono date nei diversi paesi sono sfumature di uno stesso colore in quanto alunni stranieri o di cittadinanza non italiana (Italia , Spagna , Germania ) , per giungere al loro riconoscimento come appartenenti a gruppi etnici e a minoranze (USA, Gran Bretagna , Olanda) , o ,ancora, al loro essere cittadini a pieno titolo , pur se di origine immigrata o straniera (Francia) . I criteri e le logiche che agiscono sullo sfondo e che indirizzano verso l’una o l’altra definizione trovano la loro espressione nell’enfasi che esse pongono su aspetti diversi politici, giuridici. In Francia , ad esempio si usa spesso il termine ENAF (élèves nouveaux arrivés en France ) , mentre in Gran Bretagna , il piano che li riguarda è denominato NAEP (New Arrivals Excellence Programme) . Almeno cinque sono le criticità per in minori in arrivo, che si presentano e che si sono già rese evidenti : le difficoltà di ingresso nella scuola; il ritardo scolastico inteso come l’inserimento in una classe non corrispondente all’età anagrafica , cumulando così un ritardo scolastico , rispetto ai coetanei , di uno , due o più anni ; l’insuccesso scolastico;la prosecuzione degli studi, una parte consistente degli alunni stranieri ha difficoltà a proseguire gli studi dopo la secondaria di primo grado ; la competenza in italiano (nella lingua locale) seconda lingua. Se l’acquisizione dell’italiano per comunicare avviene in tempi relativamente brevi – grazie anche ai contatti numerosi e densi con i pari a scuola e nel tempo libero (socializzazione) – l’apprendimento della lingua veicolare richiede tempi lunghi , modalità didattiche protratte di facilitazione e semplificazione,materiali didattici efficaci. Dispositivi ,capacità e risorse di cui spesso le scuole non hanno la disponibilità per cui si struttura una sorta di sfiducia, di disinvestimento che ostacolano l’inclusione.

Sono dieci le possibili azioni che possono essere intraprese per rendere il percorso di adattamento funzionale, distinte a loro volta in tre categorie: azioni di sistema , azioni di integrazione , azioni di inclusione interculturale . Azioni di sistema 1-raccolta e analisi puntuale dei dati (in particolare , riferite agli alunni ricongiunti ); 2-accordi tra le scuole di una stessa zona o città e alleanze/protocolli territoriali per la gestione condivisa e coordinata delle iscrizioni e dei flussi degli alunni neoarrivati e per la concertazione delle azioni ; 3-disponibilità e diffusione di documentazione specifica e di strumenti mirati (materiali plurilingui , materiali didattici , testi mirati , progetti significativi, documenti sul tema ecc…. ) , accessibili anche on-line , a disposizione degli insegnanti e degli operatori ; 4-realizzazione di percorsi di formazione e di aggiornamento , mirati e di qualità – in presenza e/o a distanza – che mettano in grado le scuole e i servizi di lavorare con efficacia nei contesti e nelle classi multiculturali .

Azioni di integrazione 1-diffusione di materiali e strumenti informativi (protocollo di accoglienza , opuscoli , materiali plurilingui …) e utilizzo di mediatori linguistico-culturali ) per facilitare la fase di accoglienza e di primo inserimento degli alunni neoarrivati e l’informazione e il coinvolgimento delle famiglie straniere ; 2-realizzazione di dispositivi efficaci per l’insegnamento dell’italiano come seconda lingua agli alunni poco o non italofoni , sia per gli scopi comunicativi , che per quelli legati allo studio . Azioni destinate , in maniera particolare , agli alunni neoarrivati che possiamo conteggiare soprattutto fra coloro che vengono inseriti a scuola negli ultimi due anni (vedi progetto ministeriale di italiano L2 in “Scuole aperte” ) ; 3-dispositivi mirati ed efficaci di orientamento e di indirizzo alla prosecuzione degli studi , sia per coloro che devono scegliere il percorso formativo alla fine della scuola secondaria di primo grado , sia per coloro che arrivano in Italia a 14 anni e oltre . Azioni di inclusione interculturale 1-diffusione di materiali e realizzazione di azioni positive per la valorizzazione e il riconoscimento delle competenze pregresse degli alunni stranieri , della conoscenza delle lingue d’origine e delle forme molteplici di bilinguismo (materiali bilingui ; corsi di lingua d’origine ..) ; 2-azioni di educazione interculturale per tutti gli alunni , al fine di prevenire e combattere stereotipi e pregiudizi reciproci , riconoscere le analogie e le differenze nelle diverse culture , scambiare saperi e conoscenze , insegnare il rispetto e l’apertura nel confronto degli altri , con un’attenzione quindi alla dimensione cognitiva e a quella affettiva e relazionale ; 3- elaborazione e promozione di un percorso innovativo di cittadinanza e di inclusione ,che tenga conto delle trasformazioni avvenute nelle comunità e nelle scuole e che insegni a diventare cittadini in contesti di pluralismo culturale , anche attraverso: i comuni diritti e doveri di cittadinanza , la conoscenza della Costituzione , la chiarezza sui vincoli e le opportunità , la consapevolezza delle rappresentazioni che si sedimentano e agiscono sullo sfondo , il reciproco riconoscimento . Coniugare l’unità e la diversità. La riuscita scolastica, o viceversa l’insuccesso , non sono mai solo il risultato di un rapporto individuale , fra alunno e disciplina e di una sola causa , ma di relazioni complesse che si producono in un determinato contesto .Docenti e dirigenti , famiglie e curricoli , socialità fra pari e pratiche di valutazione , stili di leadership e stili di apprendimento : sono tutti fattori che concorrono a determinare percorsi di riuscita o viceversa , fallimenti e abbandoni.

Alla scuola diventata multiculturale spetta il compito di porre in relazione e di mediare esperienze differenti , eterogenee , condotte altrove , che chiedono di essere conosciute e riconosciute , messe in comune e scambiate . Ai dirigenti scolastici e agli insegnanti sono dunque richieste capacità professionali nuove o da affinare , che consentano di ricomporre e far dialogare le differenze , di pensare insieme l’unità con la diversità , proponendo orizzonti comuni , pur nella singolarità del percorso di sviluppo e delle visioni del mondo . Il reciproco riconoscimento, la promozione di collaborazioni possibili, gli aspetti positivi di crescita, confronto, accoglienza, rispetto principi che dovrebbero essere di dominio globale, dalla cittadinanza, alle famiglie, al territorio, agli agenti di aggregazione… ma degli stessi stranieri che nell’inclusione dovrebbero lasciarsi trascinare dentro eliminando resistenze accettando il territorio adattandolo al proprio essere.

Per “straniero” potremmo intendere tutto ciò che è diverso da noi, “strano”…”estraneo” per cui i principi sopra descritti dovrebbero essere estesi ad ogni forma di diversità che in prima battuta è ricchezza per ognuno.

Diversità di cultura, diversità di competenze, di genere, tutte da accogliere, includere ognuna per le proprie particolarità che accrescono chi le incontra e le raccoglie come frutti preziosi. Iniziamo da noi, partiamo dalle nostre diversità… accettiamole, rendiamole tesori, potenzialità così da apprezzare tutte quelle che ci circondano a vario titolo. Chi non è diverso?

Read more

Fiuggi, tutto pronto per lo spettacolo “L’albero de Natale” messo in scena dall’associazione “Marionette senza fili” a sostegno della Caramella Buona Onlus

L’associazione La Caramella Buona Onlus torna sul ‘palcoscenico’ ciociaro del Teatro Comunale di Fiuggi venerdì 8 aprile con l’associazione teatrale “Marionette senza fili” guidata dall’attore e regista Claudio Tagliacozzo, che porterà in scena lo spettacolo teatrale “L’albero de Natale” di Maurizio D’Eramo.

La commedia in dialetto romanesco si svolge nel periodo delle festività natalizie ed è ambientata in casa della signora Carmela, madre di Giuseppina moglie di Spartaco. In casa si avvincenderanno amici, parenti ed addirittura un santone indiano mentre regna, al centro della scena, un albero di Natale con i tradizionali addobbi e … qualche inaspettato corto circuito! Come sempre divertimento, gag e risate assicurate!

La Caramella Buona Onlus da tempo ormai ha creato un connubio tra teatro e sensibilizzazione contro la pedofilia, tra cultura e prevenzione della violenza sui minori offrendo ai propri sostenitori, vecchi e nuovi, la possibilità di toccare con mano la serietà e la professionalità del suo staff e del lavoro che quotidianamente ed in modo instancabile si svolge ‘dietro le quinte’ e con discrezione per fornire alle vittime assistenza non solo materiale nelle ‘case buone’ ma anche sostegno psicologico e supporto legale. Essenziale è il contributo che ognuno singolarmente può fornire per partecipare alla ‘battaglia’ dell’associazione contro un reato, la pedofilia, che mina il futuro di tutti perché riguarda i bambini.

Un appuntamento fisso ormai quello di Fiuggi per avere contatto diretto con la gente, per passare due ore in allegria e per festeggiare insieme tutti i traguardi raggiunti finora e condividere gli obiettivi futuri!

Per maggiori informazioni www.caramellabuona.org Telefono 0775/557018

Read more

DOMENICA 3 APRILE APRONO I MUSEI… CONSULTA QUI L’ELENCO E SCEGLI QUELLO PIU ADATTO A TE

I Musei Civici della Capitale tornano gratuiti Domenica 3 Aprile 2016.

I cittadini residenti a Roma Capitale e i cittadini residenti nella città metropolitana (previa esibizione in biglietteria di documento che lo attesti) possono visitare a ingresso gratuito tutti i musei civici del Sistema Musei in Comune.

Ricordate quindi di portare con voi la carta d’identità!

Ecco quali musei civici possono essere visitati gratuitamente ogni prima domenica del mese:

– MUSEI CAPITOLINI
– CENTRALE MONTEMARTINI
– MERCATI DI TRAIANO
– MUSEO DELL’ARA PACIS
– MUSEO DI ROMA IN PALAZZO BRASCHI
– MUSEO DI ROMA IN TRASTEVERE
– MUSEI DI VILLA TORLONIA
– MACRO e MACRO Testaccio
– MUSEO CIVICO DI ZOOLOGIA
– GALLERIA D’ARTE MODERNA DI ROMA CAPITALE

Aperti e visitabili pure i seguenti musei che sono a ingresso gratuito anche negli altri giorni della settimana:
– MUSEO PIETRO CANONICA
– MUSEO NAPOLEONICO
– MUSEO DI SCULTURA ANTICA GIOVANNI BARRACCO
– MUSEO DELLA REPUBBLICA ROMANA E DELLA MEMORIA GARIBALDINA
– MUSEO DELLE MURA
– VILLA DI MASSENZIO
– MUSEO CARLO BILOTTI
– MUSEO DI CASAL DE’ PAZZI

GUARDA L’ELENCO DEI MUSEI STATALI GRATUTI

GLI EVENTI

Conversazione con un gallerista: Juan Carlos Garcia Alia

Casina delle Civette di Villa Torlonia ore 11.00

La conversazione con il gallerista e art curator Juan Carlos Garcia Alia, a cura di Sabine Pagliarulo, è nell’ambito della mostra In the Heart. Tra Arte & Design

Conversazione con un gallerista: Juan Carlos Garcia Alia

Musei di Villa Torlonia

6 Marzo 2016

Evento

Mother Rome. Marta Czok al Museo Bilotti

Museo Carlo Bilotti

6 Marzo – 24 Aprile 2016

Mostra

Patrizia Dalla Valle. MetaMosaico

Musei di Villa Torlonia

2 Marzo – 30 Aprile 2016

Mostra

Programma del Planetario del mese di Marzo 2016

Planetario e Museo Astronomico

1 – 31 Marzo 2016

Evento

Campidoglio. Mito, memoria, archeologia

Musei Capitolini

1 Marzo – 19 Giugno 2016

Mostra

Fumetto italiano. Cinquant’anni di romanzi disegnati

Museo di Roma in Trastevere

27 Febbraio – 24 Aprile 2016

Mostra

Esposizione di un nuovo frammento, appartenente alla lastra 31, della Forma Urbis

Museo dell’Ara Pacis

25 Febbraio – 17 Marzo 2016

Mostra

Bizhan Bassiri – Specchio Solare

Museo Carlo Bilotti

23 Febbraio – 31 Dicembre 2016

Mostra

Remotti di Carta

MACRO

18 Febbraio – 30 Marzo 2016

Mostra

Appunti di una Generazione #2 – Federico Pietrella e Donatella Spaziani

MACRO

18 Febbraio – 15 Maggio 2016

Mostra

MARISA e MARIO MERZ

MACRO

18 Febbraio – 12 Giugno 2016

Mostra

Fragili eroi. Storia di una collezione

Museo Carlo Bilotti

11 Febbraio – 10 Aprile 2016

Mostra

FAIG AHMED – Points of Perception

MACRO

10 Febbraio – 29 Marzo 2016

Mostra

BIZHAN BASSIRI – La Riserva Aurea del Pensiero Magmatico

MACRO

10 Febbraio – 29 Marzo 2016

Mostra

In the Heart. Tra Arte & Design

Musei di Villa Torlonia

7 Febbraio – 3 Aprile 2016

Mostra

“Via!” – Fotografia di strada da Amburgo a Palermo

Museo di Roma in Trastevere

30 Gennaio – 3 Aprile 2016

Mostra

PAROLA CRITICA

MACRO

23 Gennaio – 2 Aprile 2016

Evento

Oltre le Mura di Roma

MACRO

22 Gennaio – 10 Marzo 2016

Mostra

Renzo Arbore – La mostra

MACRO

19 Dicembre 2015 – 3 Aprile 2016

Mostra

Animaux sauvages – Animali selvaggi visti da Schili

Museo Civico di Zoologia

18 Dicembre 2015 – 14 Marzo 2016

Mostra

Affinità elettive. Da de Chirico a Burri

Galleria d’Arte Moderna

17 Dicembre 2015 – 13 Marzo 2016

Mostra

Quando Roma parlava francese

Museo Napoleonico

11 Dicembre 2015 – 13 Marzo 2016

Mostra

Toulouse-Lautrec

Museo dell’Ara Pacis

4 Dicembre 2015 – 8 Maggio 2016

Mostra

Umberto Passeretti, un presente antichissimo

Mercati di Traiano

1 Dicembre 2015 – 4 Aprile 2016

Mostra

Gillo Dorfles. Essere nel Tempo

MACRO

27 Novembre 2015 – 17 Aprile 2016

Mostra

EGOSUPEREGOALTEREGO. Volto e Corpo Contemporaneo dell’Arte

MACRO

27 Novembre 2015 – 8 Maggio 2016

Mostra

L’incanto della fotografia. Le collezioni Silvio Negro e Valerio Cianfarani al Museo di Roma

Museo di Roma

14 Ottobre 2015 – 13 Marzo 2016

Mostra

Gianfranco Baruchello – Come la quercia

MACRO

9 Ottobre 2015 – 6 Marzo 2016

Mostra

Giorgio Morandi

Galleria d’Arte Moderna

9 Ottobre 2015 – 25 Giugno 2016

Evento

Mamma Cult 0-3

Musei Capitoliniore 11;Mercati di Traianoore 15

Mamma Cult in collaborazione con i Musei In Comune e Zètema Progetto Cultura, organizza un percorso 100% formato famiglia, mettendo a disposizione i Marsupi Stokke per i piccolissimi (previa prenotazione) durante la visita guidata.

Scienza in famiglia – Chi ha paura dei serpenti?

Museo Civico di Zoologia ore 10.30

Un appuntamento dedicato ai misteriosi, affascinanti e “spaventosi rettili striscianti”. Un’occasione per osservarli da vicino e giocare a riconoscerli, scatenando immaginazione e fantasia. Scopriremo insieme che non sono poi così spaventosi, né sempre striscianti, allontanando diffidenze e timori di grandi e piccoli.

Educational Day al MACRO (II Edizione)

MACRO. Domenica 6 marzo, contestualmente ai musei AMACI di tutta Italia, il MACRO – Museo d’Arte Contemporanea Roma aderisce al secondo Educational Day, una giornata di attività gratuite – a cura dei Dipartimenti Educativi dei Musei associati e promossa dall’Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani – interamente dedicata a creare un “ponte” di avvicinamento, conoscenza, dialogo tra il pubblico e l’arte contemporanea.

Scienza divertente – A caccia di reperti

Museo Civico di Zoologia ore 15.30 (5-7 anni); ore 16.00 (8-11 anni)

Tutti gli animali lasciano tracce… un’avventura zoologica nelle sale del museo a caccia di impronte, segni e altri indizi.

LE MOSTRE

Ai Musei Capitolini Campidoglio. Mito, memoria, archeologia: rari documenti d’archivio, dipinti, incisioni, sculture e inediti reperti archeologici per narrare le trasformazioni urbanistiche del Campidoglio.

Al Museo Carlo Bilotti primo giorno di apertura di Mother Rome. Marta Czok artista dalle “mille origini”

Al Museo dell’Ara Pacis in mostra un nuovo prezioso frammento della Forma Urbis severiana, appartenente alla lastra 31, la grande planimetria di Roma antica incisa su lastre di marmo tra il 203 e il 211 d.C.

Al Museo di Roma in Palazzo Braschi è in corso L’incanto della fotografia. Le collezioni Silvio Negro e Valerio Cianfarani al Museo di Roma: 90 opere dei due collezionisti mostrano l’incanto di una Roma di fine ‘800, decadente e immortale, dove l’antico convive con il moderno.

Alla Galleria d’Arte Moderna, di via Francesco Crispi, ultime due settimane per visitare la mostra Affinità Elettive Opere della Galleria d’Arte Moderna e della Fondazione Magnani Rocca Da De Chirico a Burri: una mostra che accosta, sulla base di pure consonanze e suggestioni formali, di temi ed ambiti figurativi, alcuni capolavori delle due collezioni.

In corso al Museo di Roma in Trastevere la mostra fotografica “Via!” – Fotografia di strada da Amburgo a Palermo con gli scatti di dieci fotografi, cinque in Germania e cinque in Italia, che nell’arco di un anno hanno fotografato le proprie città secondo i canoni della fotografia di strada. Nella stessa sede anche una panoramica sull’arte del fumetto Fumetto italiano. Cinquant’anni di romanzi disegnati.

Ai Mercati di Traiano Umberto Passeretti, un presente antichissimo è dedicata ad un pittore pienamente contemporaneo che dialoga con la classicità romana e più in generale con la memoria dell’antico.

Alla Casina delle Civette di Villa Torlonia, In the Heart. Tra Arte & Design con le creazioni di quattro artisti, Silvia Beccaria, Evandro Gabrieli, Silvia Granata e Sabine Pagliarulo, e Patrizia Dalla Valle. MetaMosaico un ragguardevole corpus di opere scultoreo-musive inerenti ai fondamentali progetti realizzati dall’artista Patrizia Dalla Valle.

Al Museo di Zoologia Animaux sauvages – Animali selvaggi visti da Schili

Quando Roma parlava francese. Feste e monumenti della prima Repubblica Romana (1798-1799) nelle collezioni del Museo Napoleonico è la proposta del Museo Napoleonico.

Multipla scelta per l’arte contemporanea al MACRO di via Nizza, dove sono in corso Gianfranco Baruchello – Come la quercia; Gillo Dorfles. Essere nel Tempo; EGOSUPEREGOALTEREGO Volto e Corpo contemporaneo dell’arte. Remotti di Carta; Appunti di una Generazione #2 – Federico Pietrella e Donatella Spaziani; MARISA e MARIO MERZ.

Al MACRO Testaccio FAIG AHMED – Points of Perception; BIZHAN BASSIRI – La Riserva Aurea del Pensiero Magmatico.

Non rientrano nelle gratuità la mostra dedicata a Toulouse-Lautrec presso lo Spazio Espositivo Ara Pacis, la mostra dedicata a Renzo Arbore a La Pelanda e le attività del Planetario Gonfiabile presso Technotown.

fanno parte dei Musei in Comune:

Musei Capitolini; Centrale Montemartini; Mercati di Traiano; Museo dell’Ara Pacis; Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco; Museo delle Mura; Museo di Casal de’ Pazzi; Villa di Massenzio; Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina; Museo di Roma Palazzo Braschi; Museo Napoleonico; Casa Museo Alberto Moravia; Galleria d’Arte Moderna; MACRO- MACRO Testaccio; Museo Carlo Bilotti; Museo Pietro Canonica; Museo di Roma in Trastevere; Musei di Villa Torlonia; Museo Civico di Zoologia.

Vademecum

Ingresso gratuito previa esibizione di valido documento che attesti la residenza.
Non rientrano nelle gratuità la mostra dedicata a Toulouse-Lautrec presso lo Spazio Espositivo Ara Pacis, la mostra dedicata a Renzo Arbore a La Pelanda e le attività del Planetario Gonfiabile presso Technotown.
INFO tel. 060608 (tutti i giorni ore 9.00 – 21.00) www.museiincomuneroma.it
INFO VISITE DIDATTICHE
060608 (tutti i giorni ore 9.00-21.00)
www.sovraintendenzaroma.it
www.museiincomuneroma.it www.zetema.it
Biglietti vari a seconda dell’appuntamento
Dove:
VARI LUOGHI Roma
Quando:
03/04/2016
Sito:
http://www.beniculturali.it

 

 

Read more

AL TEATRO AUDITORIUM COMUNALE GIULANCO L’ASSOCIAZIONE “MARIONETTE SENZA FILI” OSPITA LA COMPAGNIA “LA RIBALTA” CON “GIULIETTA TI PRESENTA ROMEO”

Al Teatro Auditorium Comunale “Giulanco” di San Cesareo, gestito dall’associazione teatrale “Marionette senza fili” guidata da Claudio Tagliacozzo, dal 1 al 10 aprile (venerdì e sabato ore 21.00 e domenica alle ore 18) la compagnia “La Ribalta” guidata da Marco Domizi porterà in scena “Giulietta ti presento Romeo, ovvero stasera si recita Shakespeare” di Claudio Natili e Claudio Giustini.

La messa in scena di uno spettacolo determina sempre una serie infinita di problemi tra gli attori di una compagnia teatrale, ma se poi ci mette lo zampino la “sfortuna”… apriti cielo! E questo è ciò che accade in questa esilarante commedia a poche ore dal debutto in teatro con il dramma di Shakespeare “Giulietta e Romeo”. La scenografia, i costumi, gli attori…tutto è pronto per la grande pièce shakespiriana pensa il regista arrivando in teatro, ed anche le mascherine sono già in fibrillazione per accogliere gli spettatori che da lì a poco inizieranno ad arrivare, ma come entra in sala, grande è la sua meraviglia quando si accorge che la scenografia non è stata montata e che gli attori non sono ancora arrivati.

Ci pensa il direttore del teatro a rassicurare tutti “Lo spettacolo si farà!”. Il regista non deve preoccuparsi più di tanto perché i suoi operai monteranno la scenografia in tempo, ma non solo, il suo ottimismo lo induce a dire che ci sarà sicuramente anche il tempo di organizzare una veloce ‘provetta’ prima di andare in scena. Gli artisti arrivano alla spicciolata e tutto sembra procedere per il meglio, ma quando il diavolo ci mette la coda, i guai non arrivano mai soli infatti…No! È meglio non raccontare il seguito. Sedetevi comodamente in poltrona e seguite le tragicomiche vicende ‘shakespiriane’ di questa compagnia teatrale dove scambi di persona, equivoci ed una serie infinita di situazioni comiche sono la giusta miscellanea nella quale si sviluppa questa spassosa commedia.

Cosa altro aggiungere? Gli ingredienti ci sono tutti: attori di talento, atmosfera allegra ma al tempo stesso professionale, divertimento, gag e risate assicurate. Mancate solo voi! Vi aspettiamo per un altro spettacolo di qualità scelto da ‘Marionette senza fili’ per il suo pubblico di affezionati e, perché no, anche per chi decide di cogliere l’occasione ed avvicinarsi al teatro in una cittadina come S. Cesareo o dintorni in cui il teatro è tradizione da almeno 10 anni!

Vi aspettiamo a teatro! Partecipate alla stagione teatrale targata “Marionette senza fili” … non ve ne pentirete!

PREZZI BIGLIETTI:

  • INTERO = € 12,00
  • RIDOTTO = € 8,00
  • GRATUITO= UNDER 5

INFO E PRENOTAZIONI al 338.25.23.004 www.marionettesenzafili.it

Read more

Per le vacanze di Pasqua riapre Cinecittà World

cinecitta world 1 Con l’apertura ufficiale di giovedì 24 marzo inizia la nuova stagione di Cinecittà World, il Parco del Cinema di Roma. Diverse le novità che vengono annunciate per rendere l’esperienza dei visitatori unica ed indimenticabile. A partire dal cartellone degli spettacoli, completamente rinnovato, che offrirà al pubblico show divertenti, inediti e coinvolgenti, che avranno come filo conduttore, oltre al cinema, l’illusione e la magia.

Read more